Certificazione-Energetica.com
Preventivi Attestato Prestazione Energetica
Pubblicità

News

Certificazione Energetica – L’APE dal 6 giugno 2013

In questo articolo, tratto per gentile concessione dallo Studio n. 657-2013/C del Consiglio Nazionale del Notariato a  cura di Giovanni Rizzi, vedremo cosa è cambiato con l’avvento dell’APE, l’Attestato di Prestazione Energetica.

1. La certificazione energetica: normativa, scopi e funzioni
1.1. La normativa
1.2. L’adeguamento normativo alla direttiva 2010/31/UE
1.3. Il rilascio dell’attestato di prestazione energetica a partire dal 6 giugno 2013

Informazioni APE

L’art. 4 del d.lgs. 192/2005 (così come modificato dall’art. 4 del DL 4.6.2013 n. 63) stabilisce che “con uno o più decreti del Ministro dello sviluppo economico, di concerto con il Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e, per i profili di competenza, con il Ministro della salute e con il Ministro della difesa, sono definite le modalità di applicazione della metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche e l’utilizzo delle fonti rinnovabili negli edifici, in relazione ai paragrafi 1 e 2 dell’allegato I della direttiva 2010/31/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 maggio 2010, sulla prestazione energetica nell’edilizia […]”
Sostanzialmente l’attestato di prestazione energetica deve essere redatto in conformità alle prescrizioni, in tema di calcolo della prestazione energetica, contenute nella direttiva comunitaria 2010/31/UE, e non più sulla base delle prescrizioni contenute nella precedente direttiva 2002/91/CE (recepite nel D.P.R. 2 aprile 2009 n. 59, già emanato in attuazione del previgente art. 4 d.lgs. 192/2005 e sulla cui base dovevano essere redatti gli attestati di certificazione energetica sino a tutto il 5 giugno 2013, ossia prima dell’entrata in vigore del DL. 63/2013).
Tuttavia nelle more dell’emanazione dei nuovi decreti ministeriali, di recepimento della direttiva 2010/31/UE, i tecnici abilitati potranno comunque rilasciare un attestato di prestazione energetica (così come definito dall’art. 2, c. 1, lett. l-bis, d.lgs. 192/2005, nuovo testo), ovviamente utilizzando ancora i criteri di calcolo contenuti nel D.P.R. 2 aprile 2009 n. 59, in quanto:
– l’art. 16, c. 4-bis, del d.lgs. 192/2005 (nel testo introdotto dall’art. 13 D.L. 63/2013) stabilisce che “dalla data di entrata in vigore dei decreti di cui all’articolo 4, comma 1, è abrogato il decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59” con la conseguenza che il suddetto D.P.R. 59/2009, contenente i criteri di calcolo sulla base della direttiva 2002/91/CE è tuttora in vigore, e rimarrà in vigore sino a che non siano emanati i nuovi decreti ministeriali di recepimento della direttiva 2010/31/UE, per cui potrà essere ancora utilizzato sino all’emanazione dei nuovi decreti;
– l’art. 11 del d.lgs. 192/2005 (nel testo introdotto dall’art. 9 D.L. 63/2013, modificato in sede di conversione) (norma transitoria) stabilisce che “nelle more dell’aggiornamento delle specifiche norme europee di riferimento per l’attuazione della direttiva 2010/31/UE, le metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici, di cui all’articolo 3, comma 1, del decreto del Presidente della Repubblica 2 aprile 2009, n. 59, predisposte in conformità alle norme EN a supporto delle direttive 2002/91/CE e 2010/31/UE, sono quelle di seguito elencate:
a) raccomandazione CTI 14/2013 “Prestazioni energetiche degli edifici – Determinazione dell’energia primaria e della prestazione energetica EP per la classificazione dell’edificio”, o normativa UNI equivalente e successive norme tecniche che ne conseguono;
b) UNI/TS 11300 – 1 Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 1: Determinazione del fabbisogno di energia termica dell’edificio per la climatizzazione estiva e invernale;
c) UNI/TS 11300 – 2 Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 2: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione invernale, per la produzione di acqua calda sanitaria, la ventilazione e l’illuminazione;
d) UNI/TS 11300 – 3 Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 3: Determinazione del fabbisogno di energia primaria e dei rendimenti per la climatizzazione estiva;
e) UNI/TS 11300 – 4 Prestazioni energetiche degli edifici – Parte 4: Utilizzo di energie rinnovabili e di altri metodi di generazione per riscaldamento di ambienti e preparazione acqua calda sanitaria;
e-bis) UNI EN 15193 – Prestazione energetica degli edifici – Requisiti energetici per l’illuminazione”
Con tale norma viene pertanto, in via transitoria, aggiornato ed integrato l’art. 3, c. 1, del suddetto D.P.R. 59/2009 relativo alle “metodologie di calcolo della prestazione energetica degli edifici e degli impianti”, a conferma che detto decreto è tuttora utilizzabile in attesa dell’emanazione dei nuovi decreti di recepimento della direttiva 2010/31/UE.
Nello stesso senso si è, anche, pronunciato il Ministero dello Sviluppo Economico, con propria nota n. 0016416 del 7 agosto 2013 (11), nella quale si afferma che “[…] nelle more dell’aggiornamento tecnico, le norme transitorie contenute nell’art. 9 del decreto legge 63/2013, come convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013 n. 90, per il calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici fanno riferimento al D.P.R. 59/2009 e a specifiche norme tecniche (UNI e CTI) già note. Conseguentemente l’art. 13 dello stesso decreto legge 63/2013, come convertito, con
modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013 n. 90, prevede che, solo dall’entrata in vigore dei decreti di aggiornamento della metodologia di cui all’art. 4, sia abrogato il D.P.R. 59/2009; ciò, con l’evidente finalità di non creare vuoti normativi e di consentire una applicazione agevole della norma, basandosi su una metodologia che dovrebbe essere già sufficientemente conosciuta, in quanto in vigore da alcuni anni. Pertanto sino all’emanazione dei decreti previsti dall’art. 4, si adempie alle prescrizioni di cui al decreto legge stesso, come convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2013 n. 90, redigendo l’APE secondo le modalità di calcolo di cui al D.P.R. 2 aprile 2009 n. 59 […]”

Note
11) Con tale nota il Ministero ha confermato, nella sostanza, quanto dallo stesso già comunicato con la precedente Circolare n. 12976 del 25 giugno 2013


Nel prossimo articolo: “Gli scopi della Certificazione Energetica”

Sito ufficiale del Consiglio Nazionale del Notariato www.notariato.it
E’ possibile scaricare lo Studio in formato .pdf a questa pagina




Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Siti Partner

Vacanze con i Bambini

EnergeticAmbiente.it

TOP100-SOLAR

Guide di Viaggio


Comments
  • paolo: consiglio segnalare la truffa al 117 GDF.
    View Post
  • paolo: consiglio di segnalare l'abuso al 117 GDF
    View Post
Archivi