Certificazione-Energetica.com
Preventivi Attestato Prestazione Energetica
Pubblicità

News

“Sull’energia il governo guarda solo al passato”

Per Mario Agostinelli, co-autore del libro ‘L’Energia Felice’, il governo vede le rinnovabili solo come opzione da controllare o limitare. L’attenzione è rivolta al gas e al carbone con immagazzinamento della CO2. Nessun accenno a roadmap 2050 e a obiettivi 2020. Ma anche a sinistra c’è poca visione innovativa, dice Agostinelli.

“La preoccupazione di questo Governo è tutta rivolta agli aspetti economici-finanziari a breve termine. L’emergenza sembra non riguardare le questioni di più lungo periodo, come quelle ambientali ed energetiche, senza pensare alle notevoli ricadute che queste scelte potrebbero avere sul piano occupazionale”. A dirlo è Mario Agostinelli, chimico-fisico, ex ricercatore all’ENEA e per 7 anni segretario generale della CGIL Lombardia, autore, insieme a Pierangelo Tronconi, del libro “L’Energia Felice” e oggi presidente dell’Associazione Energia Felice. Lo abbiamo interpellato per darci una sua visione politica sull’operato dell’attuale Governo in campo energetico, anche alla luce delle recenti dichiarazioni del Ministro Passera, soprattutto in merito alle rinnovabili.
Agostinelli, ha un giudizio piuttosto severo sul governo Monti, non è forse ancora presto per esprimerlo?
Questo è un Governo, e Passera ne è l’esponente per eccellenza, che pensa che la soluzione degli aspetti di bilancio – soprattutto di natura aziendale, per buona parte nemmeno basati non tanto sull’economia reale, quanto sulla speculazione sui derivati – sia preponderante rispetto a tutto. Si fa riferimento spesso all’Europa, ma non c’è nessun accenno non solo alla roadmap europea al 2050 per le rinnovabili, ma nemmeno agli obiettivi del ’20-20-20’.

Vero, ma non potevamo però aspettarci da questo Governo la messa in discussione dell’attuale modello energetico.

Ovviamente no, c’è però un’idea costante sulle rinnovabili, viste come puro elemento integrativo all’interno del modello energetico basato sulle fonti fossili, e mai come elemento sostitutivo. Ogni volta che parlano di energie rinnovabili se ne parla come di qualcosa che va corretto o limitato.

Il punto all’ordine del giorno sembra quello del peso economico degli incentivi per le rinnovabili.

La critica è sempre la stessa. Era evidente che non si poteva collocare subito sul mercato questa grande novità che sono le fonti rinnovabili. Una critica spesso gratuita, mai basata su un vero rapporto costi-benefici. Le iniziative per lo sviluppo delle rinnovabili avrebbero dovuto aprire anche un canale nuovo per l’occupazione, specialmente su scala locale. Ci siamo limitati però a dare incentivi che alla fine hanno favorito l’acquisto di componenti e prodotti fabbricati all’estero.

Su cosa punterà questo Governo ‘a tempo’ in fatto di energia?

Quello che sembra il vero obiettivo del Governo è il rilancio del gas in tutte le sue coniugazioni, quindi rigassificatori, del gas proveniente dallo shale gas e quindi un sostegno agli aspetti più disastrosi dal punto di vista ambientale globale. Poi vedo una continua apertura, anche se c’è vergogna nel dirlo esplicitamente, al rilancio del carbone con sequestro di CO2. Ma in questo caso però non viene mai detto nulla sugli enormi incentivi che richiederebbe questa opzione tecnologica.

Insomma manca al Governo una visione su un futuro energetico e un modello di sviluppo diverso. Ma anche a sinistra lo sguardo è sempre poco attento a queste questioni?

Per quanto riguarda l’attuale Governo, non mi risulta proprio che Monti o Passera abbiano in mente una politica energetica alternativa. Entrambi erano seduti nei consigli di amministrazione delle aziende più fortemente energivore. Per me sono uomini del passato a cui il Paese sta affidando un po’ imprudentemente il futuro energetico. Sulla sinistra sono d’accordo. Devo dire con sorpresa, e gli va riconosciuto, che l’unico partito parlamentare che ha discusso di transizione energetica è stato l’Idv (vedi anche Green Economy, dieci proposte degli Ecodem per uscire dalla crisi, ndr). In un loro recente convegno, dove siamo stati invitati Silvestrini e io, è stato lanciato l’obiettivo del 100% rinnovabili e un piano energetico nazionale. Un fatto che è stato poco ripreso dalla stampa nazionale. Ma si sa, siamo dentro, per così dire, a un tentativo continuo di mistificazione dell’informazione.

Si parla molto di ‘effetto rinnovabili’ sul ribasso dei prezzi dell’energia elettrica nelle ore di punta in fascia F1. In realtà i prezzi della fasce orarie serali e dei week end crescono molto di più. Ne ha parlato anche lei in un recente articolo su Il Fatto Quotidiano on line.

È così. La Borsa elettrica ha ormai recepito l’offerta da rinnovabili, ma le grandi compagnie energetiche possono fare cartello. Possono immettere anche la parte più cara della loro produzione. Per esempio possono spegnere i turbogas in quelle fasce. Per questo, la mia ipotesi è che alle rinnovabili si cercherà di rendere la vita dura.

via“Sull’energia il governo guarda solo al passato” | QualEnergia.it.




Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Siti Partner

Vacanze con i Bambini

EnergeticAmbiente.it

TOP100-SOLAR

Guide di Viaggio


Comments
  • massimo giordano: SALVE MI POTETE CONTATTARE PER 1 CERTIFICAZIONE A.P.E. PER 1 APPARTAMENTO DA DARE IN LOCAZIONE. ASPETTO VOSTRE NOTIZIE. GRAZIE E BUONA GIORNATA .ARTEMIDE CONSULTING SAS MASSIMO GIORDANO CELL: 334-167.90.56 EMAIL: massimo_giordano2002@hotmail.com
    View Post
  • paolo: consiglio segnalare la truffa al 117 GDF.
    View Post
Archivi