Certificazione-Energetica.com
Preventivi Attestato Prestazione Energetica
Pubblicità

News

Verso il taglio del 50% degli incentivi al solare

Saranno dimezzate a partire da fine anno le agevolazioni per gli impianti, il cui costo totale in bolletta ha raggiunto i 6 miliardi l’anno, ma si sta studiando una rimodulazione per sostenere comunque l’effettiva produzione

Di tutte le tematiche di cui è investito il ministero dell’Ambiente, quella su cui sono in corso le più aspre controversie è la nuova regolamentazione degli incentivi per le energie rinnovabili. Un processo avviato un anno fa dal precedente governo su cui c’è stata una sostanziale continuità dell’esecutivo tecnico. Spiega Clini: «Gli incentivi vanno ridotti, per le due semplici ragioni che sono stati già raggiunti gli obiettivi previsti dall’accordo Onu 20-20-20 e che i costi degli impianti, almeno quelli solari, sono scesi del 20-30% in pochissimi anni. Abbiamo però rimodulato in qualche misura le agevolazioni per premiare, sul modello tedesco, più la produzione di energia che l’installazione ». Si vuole evitare insomma che, com’è successo, si finisca con l’incentivare anche impianti che non funzionano. Buona parte dei componenti sono importati, eppure è nata un’industria italiana dell’energia alternativa, che dà lavoro, secondo calcoli del ministero, a ben 120mila persone. Punta di diamante di quest’industria è l’impianto Enel Green Power di Catania, che oggi dà lavoro a 300 persone ed è all’avanguardia nella produzione delle tecnologie solari a “film” anziché a “policristallino”. «Noi siamo attenti – dice il ministro – a non distruggere quest’industria, spingendo sulla sua capacità di esportazione che si è rivelata forte.
Il mercato mondiale dell’energia verde, compresa l’idroelettrica, è di ben 260 miliardi di dollari, più dell’energia convenzionale. La quale peraltro, lo si creda o no, è più sovvenzionata delle rinnovabili». In ogni caso verso il “taglio” si sta andando (l’ultima versione del decreto è attualmente al concerto con le regioni), il che dovrebbe portare lentamente a pagare meno l’elettricità (oggi il conto degli incentivi in bolletta è di 6 miliardi l’anno). Di quanto? Non è facile orizzontarsi nella griglia delle agevolazioni, ma in linea di massima se un grosso impianto riceveva 31 centesimi per kwh passerà dal secondo semestre di quest’anno a 15. Un impianto familiare delle stesse dimensioni scende da 35 a 23. Nella foto a destra la centrale fotovoltaica appena installata nella Città del Vaticano.




Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.

Siti Partner

Vacanze con i Bambini

EnergeticAmbiente.it

TOP100-SOLAR

Guide di Viaggio


Comments
  • massimo giordano: SALVE MI POTETE CONTATTARE PER 1 CERTIFICAZIONE A.P.E. PER 1 APPARTAMENTO DA DARE IN LOCAZIONE. ASPETTO VOSTRE NOTIZIE. GRAZIE E BUONA GIORNATA .ARTEMIDE CONSULTING SAS MASSIMO GIORDANO CELL: 334-167.90.56 EMAIL: massimo_giordano2002@hotmail.com
    View Post
  • paolo: consiglio segnalare la truffa al 117 GDF.
    View Post
Archivi